Per offrirti un servizio su misura Parafarmacia Cravero utilizza cookie. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookie.
 ACCETTO E CONTINUO   Scopri di più

Parafarmacia Cravero
Parafarmacia Cravero

Clicca per consultare una delle altre sezioni:

Cosmesi
Farmaci da Banco
Farmaci Omeopatici
Fitoterapia
Infanzia e Mamma
Salute del Corpo
Veterinari
Parafarmacia Cravero

KOLOREX SOFTGEL 60 Capsule

https://www.parafarmaciacravero.com/benessere/vie-urinarie-benessere/kolorex-softgel-60-capsule/4168.html

Trattamento naturale delle candidosi acute e ricorrenti

KOLOREX SOFTGEL 60 Capsule
-15%

Prezzo di listino  € 37,95

€ 32,26

32.26

Quantità: 

Vedi tutti i prodotti Named

Blister da 60 capsule softgel

 

Integratore alimentare a base di Pseudowintera colorata. Senza glutine.

Il circolo vizioso della Candida
Le infezioni da Candida albicans sono l’espressione di uno squilibrio nei componenti della flora batterica saprofita. La candidosi, infatti, oltre a coinvolgere il tratto genitale, con manifestazioni cliniche più o meno evidenti, interessa anche il tratto gastro-intestinale, il quale rappresenta sia l’origine dell’infezione primaria sia il serbatoio per le infezioni recidivanti successive.

Che cos'è Kolorex®
Il Polygodial, principio attivo di Kolorex®, sesquiterpene biciclico dialdeidico, isolato dalle foglie della pianta neozelandese Pseudowintera colorata, vanta una dimostrata attività antimicotica.
 
Ingredienti

  per 1 capsula soft gel
(dose max die)
Pseudowintera colorata estratto secco foglie 10 mg
Altri ingredienti: olio di oliva (Olea europaea L.); gelatina alimentare; agente di resistenza: glicerolo; acqua purificata.


Modalità d'uso
1 capsula al giorno, a stomaco pieno, da deglutire con acqua.

Avvertenze
Non superare la dose giornaliera consigliata. Non assumere in gravidanza e durante l’allattamento. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni di età. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata.

Cos'è la candidosi?

La candidosi è un’infezione micotica (provocata cioè da funghi) che interessa l'apparato genitale. Responsabile di tale infezione è la Candida albicans, un parassita appartenente alla famiglia dei miceti (funghi). E' un disturbo molto diffuso e molto più pericoloso di quanto si pensi e, purtroppo, in progressivo aumento: si stima che circa il 75% delle donne manifesti questo disturbo almeno una volta nella vita e, di queste, circa il 5% sviluppi una forma ricorrente.

La Candida albicans, di per sé normale costituente della flora batterica intestinale, è la principale responsabile di tali infezioni, anche se sono in aumento le infezioni causate da altre specie di Candida (ad es. glabrata, tropicalis, parapsilosis) e le infezioni miste sostenute cioè da funghi e batteri contemporaneamente.

La Candidaè un organismo dimorfico, si presenta cioè in due forme. Normalmente, la candida è un simbionte, cioè un fungo che appartiene alla flora batterica “amica” e che partecipa alla digestione degli zuccheri tramite un processo di fermentazione.

Nella forma patologica, invece, la Candida diventa un parassita e crea una struttura molecolare molto lunga, che, tramite la mucosa intestinale, entra nel flusso sanguigno.
Il fungo della Candida s’instaura nell’intestino di tutti gli esseri umani poco dopo la nascita e qui rimane sempre presente. La Candida, in realtà,può attaccare moltissimi tipi di tessuti ed è contagiosa. Nella maggior parte dei casi è una semplice infezione micotica che inizia senza una causa specifica e non necessariamente viene contratta sessualmente.
Le forme più diffuse di candidosi sono quella vaginale, del cavo orale (mughetto) e della pelle (chiazze che compaiono con l’esposizione solare). Talvolta la Candida viene riconosciuta come causa di uretriti.
Chi soffre di Candida vaginale sa che con le terapie convenzionali è difficile sconfiggerla, e che in genere è recidivante (cioè tende a ripresentarsi).

Quali sono le cause della candidosi?

La Candida albicans vive, in condizioni normali, sulle mucose del tratto gastrointestinale, della vagina e del cavo orale, senza causare il benché minimo disturbo.
In alcune situazioni particolari, vengono superate le difese dell’organismo e questo fungo può replicarsi eccessivamente dando luogo alla vera e propria candidosi.
La candidosi, infatti, si manifesta solo quando il numero di questi funghi diventa eccessivo, molto spesso come conseguenza di una immunodepressione.
I fattori che possono favorire la proliferazione di questo microrganismo sono numerosi. Fra i diversi vi sono:

  • 1. calo delle risposte immunitarie (malattie debilitanti o assunzione di immunosoppressori);
  • 2. terapie cortisoniche o antibiotiche a largo spettro protratte nel tempo;
  • 3. l’impiego di contraccettivi orali, estrogeni o di corticosteroidi;
  • 4. condizioni predisponenti, quali il diabete mellito o la gravidanza, da valutare specialmente in caso di recidive;
  • 5. l'uso di biancheria intima troppo stretta o sintetica che determina innalzamento dell’umidità locale e macerazione cutanea;
  • 6. cattive condizioni intestinali (molto spesso con disbiosi, ovvero degenerazione della flora batterica);
  • 7. un’alimentazione scorretta: carenze vitaminico-minerali, eccessi di dolci e carboidrati raffinati (alimentano la candida e promuovono l'iperproduzione di insulina, favorendo l'infiammazione e l'intervento del sistema immunitario), diete troppo ricche in proteine animali (carne rossa e latticini che possono facilitare le reazioni infiammatorie mediante la produzione di prostaglandine di tipo II), intolleranze alimentari (molto spesso intolleranze ai lieviti).

Come si manifesta la candidosi?

La candidosi, nella regione genitale femminile, determina depositi biancastri, infiammazioni alla vagina o alla vulva, arrossamenti e bruciori alla minzione e nei rapporti sessuali. Il maschio che viene contagiato può presentare prurito al glande.
Oltre agli apparati genitali, le sedi cutanee maggiormente interessate dalla Candida albicans sono gli spazi interdigitali delle mani e dei piedi, gli angoli della bocca, le pieghe cutanee, il tessuto periungueale (e solo in un secondo tempo l'unghia). Può anche interessare la mucosa orale del bambino con un'infezione, detta "mughetto". Le candidosi possono cronicizzare. La diffusione nel sangue può portare a complicazioni importanti quali ascessi polmonari, endocarditi, meningiti ed ascessi cerebrali.

Alcuni suggerimenti

La prima prevenzione è l’igiene personale; lavarsi, quindi, accuratamente i genitali con un sapone acido, soprattutto in occasione di rapporti sessuali. Contrariamente a quanto si crede, invece, l'uso di lavande intime è sconsigliato perché, eliminando o riducendo le secrezioni vaginali, altera l'ambiente e può facilitare l'attecchimento delle infezioni.

Prevenire la candidosi

Si possono suggerire alcune indicazioni per attuare una corretta prevenzionedella candidosie proteggersi, soprattutto in estate, dalle fastidiose irritazioni provocate dalla Candida.
Con il caldo, l'afa e l'umidità, infatti, le donne rischiano maggiormente irritazioni e candidosi. Sabbia, acqua di mare, cstume umido a contatto con la pelle e lunghe camminate sotto il sole, possono procurare fastidi e arrossamenti. E’ quindi utile:

  • 1. usare biancheria di cotone, preferibilmente al 100% in tessuto naturale, per garantire freschezza e protezione ed evitare il proliferare del fungo della Candida;
  • 2. in spiaggia è bene non restare a lungo con il costume bagnato che può causare un'alterazione delle difese naturali ed esporre a un maggior rischio di irritazioni da Candida;
  • 3. Dopo il bagno, al mare, fare la doccia con acqua dolce, in modo da evitare irritazioni causate dalla salsedine;
  • 4. prestare attenzione alla sabbia: non sedersi direttamente sulla sabbia, per evitare la trasmissione e la crescita di germi nocivi, come il fungo della Candida. E' bene evitare anche di sedersi sui bordi delle piscine o su panche di spogliatoi e assi di toilette;
  • 5. in estate, si può scegliere l'assorbente interno che è più confortevole; il cambio, però, deve essere frequente;
  • 6. non effettuare eccessivi lavaggi intimi: non lavarsi più di tre volte al giorno (tranne in caso di mestruazioni o intensa attività sportiva) per non alterare i naturali meccanismi di difesa;
  • 7. non utilizzare il medesimo asciugamano di una persona contagiata dalla Candida, in quanto il fungo può essere trasferito alla persona sana;
  • 8. usare detergenti adeguati che non aggrediscano le mucose;
  • 9. se si pratica molto sport prestare maggior attenzione all'igiene intima e preferire detergenti clinicamente testati e che garantiscano freschezza;
  • 10. scegliere detergenti delicati e con un pH acido. Il pH acido è indispensabile per le donne in età fertile, mentre quello neutro è più indicato per chi è in menopausa, post-menopausa e per le bambine.

Come si cura la Candida?

Esistono numerosissimi antimicotici locali i cui nomi chimici sono: clotrimazolo, econazolo, itraconazolo e altri ancora. In realtà, tranne nel caso di pazienti immunodepressi (leucemia, AIDS), non esiste alcuna prova che giustifichi l'uso massiccio e sistematico di questi farmaci.
In caso di candidosi, infatti, il problema principale non è debellarla ma bensì, ottenere una guarigione stabile.

La terapia della candidosi, infatti, deve prima di tutto prevedere l’eliminazione delle cause scatenanti, in considerazione del fatto che il micete arriva direttamente dall’intestino.
Quindi:

  • 1. è importante curare l'alimentazione, limitare i dolci, assumere regolarmente frutta e verdura, yogurt e fermenti lattici;
  • 2. esistono delle preparazioni farmacologiche di bacilli che colonizzando l'intestino rendono più difficile la vita alla Candida albicans;
  • 3. non usare indumenti sintetici e slip in microfibra in quanto aderiscono eccessivamente innalzando la temperatura;
  • 4. non indossare pantaloni aderenti e, comunque, indossare preferibilmente le gonne al primo fastidio;
  • 5. non detergere troppo energicamente ed eccessivamente le zone intime.

A patologia conclamata, è chiaramente importante il trattamento antimicotico locale e generale.
Il trattamento naturale per la candidosi viene effettuato mediante Kolorex®.

Kolorex® è la gamma di prodotti a base di Pseudowintera colorata contenente principi attivi dalle note proprietà antimicotiche.

  Codice MinSan: 939205237

KOLOREX SOFTGEL 60 Capsule opinioni:

         

4.47 / 5 da 15 utenti

Il Dr. Matteo Cravero ti consiglia anche:

GSE Cystitis 60 Tavolette

GSE Cystitis 60 Tavolette

  Descrizione prodotto GSE Cystitis GSE Cystitis è un integratore alimentare a base di Estratto di semi d...

€ 19,90 € 19,90
Cys Control 60 capsule
-30%Super SCONTO

Cys Control 60 capsule

  Cys Control che cos'è? Cys-control Cranberola 500, in comode confezioni da 60 capsule, è indicato...

€ 23,90 € 16,73
Cys Control Flash 20 capsule
-20%

Cys Control Flash 20 capsule

  Cys-Control Flash che cos'è? Cys Control è un integratore alimentare, contiene Cranberry, Erica...

€ 15,00 € 12,00

Assistenza clienti e ordini telefonici

anche WhatsApp



Parafarmacia online spedizione GRATUITA ordini superiori a 50 €




Parafarmacia autorizzata alla vendita online di farmaci da banco

Pagamenti sicuri Presente su TrovaPrezzi Presente su ShoppyDoo

 
Parafarmacia Cravero
Corso Giuseppe Mazzini, 74/A - 28021 Borgomanero (NO) - P.Iva 02073140036 - tel/fax: 0322 846046 - email: info@parafarmaciacravero.com

Realizzato da Ma2 Web